5 COSE DA FARE E VEDERE AD HANOI

C.G. Jung sosteneva che “in ogni caos c’è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto”.

Probabilmente però, Jung non era stato ad Hanoi.

Si, perché qui, l’ordine non esiste. O se esiste, è ben nascosto agli occhi dei viaggiatori.

Hanoi è il caos cosmico riunito e concentrato in una sola città. È il rumore costante dei clacson. È l’aria pesante dello smog. È il gomitolo di strade invase dai motorini. È l’umidità che non ti abbandona mai.

Il traffico qui oltrepassa la soglia dell’immaginazione e ti costringe a camminare sulle soglie dei negozi perché i marciapiedi sono diventati ormai il parcheggio per gli scooter.

Ma Hanoi non è solo questo.

È anche la frutta tropicale venduta in ogni angolo. È  il cibo venduto dentro ai garage. È il sorriso costante di chi incrocia il suo sguardo con il tuo. È la nuova generazione che ti ferma per strada per scambiare qualche parola d’inglese. È  la birra bevuta in compagnia seduti vicino al lago Hoan Kiem.

È una cena all’aperto in mezzo alla folla.

Questa è Hanoi, capitale del Vietnam e degli estremi.

Il nostro viaggio è partito proprio da qui. Ha fatto un grande giro ed è tornato nel punto di partenza.

Hanoi è spesso la città base per chi vuole visitare la Baia di Halong o la splendida Ninh Binh ed è per tanti di passaggio per esplorare le terrazze di riso nelle montagne del nord.

Se, come noi, avete poco tempo per visitare la capitale, queste sono le 5 cose da fare che non potrete perdervi.

 

1 – VEDERE LA FERROVIA CHE PASSA NEL CENTRO DI HANOI

Nel Quartiere Vecchio, precisamente all’incrocio tra Tong Duy Tan e Dien Bien Phu oppure tra Tong Duy Tan e Tran Phu, potrete trovare la bizzarra ferrovia che attraversa il centro di Hanoi. Da queste vie strette e a ridosso con le case, passa un treno per ben due volte il giorno.

E la quotidianità qui ha dei ritmi tutti suoi. Gli abitanti cucinano fuori dalle case, in pentoloni posti ai margini delle vie e vivono come se niente fosse. Del tutto indisturbati dal passaggio del treno.

(Non è facile da trovare, una volta arrivati a Tong Duy Tan, chiedete a qualche negoziante!)

2 – PERDERSI TRA LE VIE DEL QUARTIERE VECCHIO

Hoan Kiem, conosciuto anche come Old Quarter, è il quartiere più famoso di tutta la città.

Qui, nel cuore pulsante della capitale, è possibile osservare da vicino la vita quotidiana di chi lo abita. Tutto sembra bizzarro, dal parrucchiere che taglia i capelli per strada, ai cani con la tinta e la pedicure. Dai venditori di cibo nei garage di casa, all’impressionante quantità di tuk tuk.

Perdetevi tra le sue vie, fatevi forza con lo stomaco (perché l’igiene non è proprio di casa) e rimarrete stupiti.

3 – BERE UNA BIRRA VICINO AL LAGO HOAN KIEM

Sapevate che in Vietnam viene prodotta la birra più economica del mondo?

Si chiama Bia Hoi e si tratta di una birra artigianale, leggera, fresca di produzione e servita senza etichetta. Il costo per un bicchiere ? Appena 5.000 Viet Dong ossia 19 centesimi!

Ad Hanoi si può trovare ovunque e non vi mancheranno le occasioni per berla. Al tramonto dirigetevi verso le sponde del lago Hoan Kiem, appena fuori il Quartiere Vecchio, e gustatevi una Bia Hoi in compagnia dei locali.

4 – PROVARE IL CAFFÈ VIETNAMITA

La cultura del caffè in Vietnam è radicata tanto quanto da noi in Italia. Ma al contrario di quello italiano, il caffè vietnamita ha una preparazione lenta. È una sorta di rituale quotidiano, da gustare in totale relax. Niente espresso al bancone né caffè preso al volo prima di entrare al lavoro.

Ti siedi e attendi che la macchinetta posta sopra il bicchiere faccia filtrare lentamente tutto il caffè (ci vogliono dai 5 ai 10 minuti).

Il gusto ricorda quello del cioccolato e le mandorle ed è più intenso rispetto al nostro. Viene servito nero, con il ghiaccio oppure macchiato. Quest’ultimo è il nostro preferito ed ha l’aggiunta del latte condensato prima del caffè.

5 – VISITARE IL TEMPIO DELLA MONTAGNA DI GIADA

Il Tempio della Montagna di Giada si trova al centro di un isolotto del lago Hoan Kiem, collegato alle sponde dal famoso ponte rosso chiamato Ponte del Sole Nascente.

Si tratta, forse, del tempio più affollato della città ma di sera la folla diminuisce e il posto diventa molto più suggestivo.

CONSIGLI PER VISITARE HANOI

Per gli alloggi consigliamo i seguenti hotel: Hanoi Guest House RoyalViet View Hotel & SpaGolden Legend Diamond e Gratitude Hotel.

Si tratta di hotel economici, con un buon rapporto tra qualità e prezzo ma senza pretese.

  • Per la visita della città bastano due giorni. Se siete intolleranti al traffico come noi, ne basterà anche uno!
  • Partite con gli integratori. L’acqua venduta in bottiglia è priva di sali minerali e il clima, soprattutto in agosto, è torrido.
  • Portate un’impermeabile sempre con voi. Il tempo varia di ora in ora. Si può uscire dall’hotel con il sole ed avere un temporale l’ora dopo.
  • La città è molto sporca e le condizioni igieniche scarseggiano nei ristoranti. Quindi immaginatevi nello street food! Noi l’abbiamo provato ma bisogna fare molta attenzione.
  • Per arginare il problema, una buona soluzione è iniziare l’assunzione di fermenti lattici una settimana prima di partire e continuarla per tutto il viaggio.

DOVE MANGIARE AD HANOI

 

Green Farm Restaurant (Hanoi) – Questo ristorante, nel cuore del Quartiere Vecchio, offre due ottimi menu: uno normale ed uno vegetariano.

Il rapporto qualità prezzo è ottimo, il locale è molto carino e pulito e il personale è estremamente gentile.

HANOI – GALLERIA FOTOGRAFICA

 

LEGGI l’ITINERARIO DEL VIAGGIO IN VIETNAM

Più di 5000 km di viaggio fatti in aereo, a piedi, in biciscootertuk tukxe loi, tac ranggiunchesampansleeping busbarche a motoreelefanti e kayak.
Un Vietnam attraversato da nord a sud per poi arrivare fino in Cambogia, davanti agli imponenti templi di Angkor Wat.

Un viaggio più che una vacanza
.

Cos’è stato per noi il Vietnam?
È stato avventura, esplorazione, conoscenza. E libertà. Quella elettrica sensazione che ci accompagna durante ogni viaggio.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI SUL VIAGGIO IN VIETNAM

ITINERARI DI VIAGGIO

La Mulholland Drive percorsa con una Chevrolet Camaro decappottabile al tramonto.

Los Angeles vista dall’alto mentre si tinge di arancio.

Santa Monica con il suo lungomare fatto di gente che corre, in skateboard, in monopattino elettrico e in bici.

I murales che colorano Melrose Avenue, il fascino senza tempo di Hollywood, il pontile di Malibù al tramonto, le ville di Beverly Hills, i diners aperti 24h su 24 che ti danno il benvenuto con la musica ’60.


 

 

Come si può raccontare la cosa più bella mai vista in tutta la tua vita?

Come si può esprimere a parole una vacanza che non è stata solo una vacanza ma l’esperienza più straordinaria mai vissuta?

Come si fa a descrivere l’immensa magia della giungla, di un mare rosa e della foresta di mangrovie?

Questo è il Messico, un paese incantato, dove la natura esplode in una scala infinita di colori. Un paese in cui non bastano gli occhi per cogliere tutta la bellezza dei suoi luoghi e dove non bastano le parole per raccontarla.


 

 

Gli orizzonti senza fine di Serengeti, i suoni delle notti trascorse nella savana, il cielo infuocato al tramonto, l’immensa bellezza dei baobab, la giraffa che mi ha svegliato nel cuore della notte, la via lattea, la costellazione di South Cross, le iene fuori dalla tenda alle 2 del mattino.

Pumba, i leoni, gli impala, le zebre, gli elefanti e le giraffe.

 

La Tanzania è uno di quei paesi che piacciono tanto a noi, un posto dove la natura regna sovrana e dove l’uomo rimane solo un silenzioso spettatore.


 

 

Il Ceará ci accoglie così, con l‘agua de coco venduta in ogni angolo della strada, oltre 500 km di spiagge infinite davanti all’oceano, una temperatura di 30 gradi e la musica che risuona dalla sera alla mattina.

Non è un caso che sia conosciuta come Terra da Luz, la Terra della Luce.

Siamo nel Nordeste del Brasile, pochi gradi sotto la linea dell’equatore e il nostro viaggio alla scoperta di questa regione dove l’estate dura 365 giorni l’anno parte parte dalla sua capitale, Fortaleza.


 

 

Più di 5000 km di viaggio fatti in aereo, a piedi, in biciscootertuk tukxe loi, tac ranggiunchesampansleeping busbarche a motoreelefanti e kayak.
Un Vietnam attraversato da nord a sud per poi arrivare fino in Cambogia, davanti agli imponenti templi di Angkor Wat.

Un viaggio più che una vacanza
.

Cos’è stato per noi il Vietnam?
È stato avventura, esplorazione, conoscenza. E libertà. Quella elettrica sensazione che ci accompagna durante ogni viaggio.


 

 

Il profumo caldo e avvolgente dell’ambra. Quello intenso della menta. Quello dolce del gelsomino. Quello fruttato delle arance.E poi quello profondo delle spezieCannellacurcumazenzeropapricazafferano.

Un cielo stellato blu come il velluto. I mosaici verdi, bianchi, azzurri. Le fontane riempite di rose. I labirinti della Medina. I canti dei Muezzin. I tramonti infuocati su Marrakech, la calma imperiale di Fès e lo stupore tra le vie di Chefchaouen.

Benvenuti in Marocco, meravigliosa terra da Le mille e una notte.


 

 

Immaginati di aspettare il sole che sorge davanti all’imponente tempio di Angkor Wat, o di perdere lo sguardo tra le rovine archeologiche all’interno della giungla, di perderti tra i fiumi di acqua sacra dentro le foreste o di tuffarti nelle cascate sulle montagne di Phnom Kulen.

La Cambogia è una delle perle del sud-est asiatico.
Non ancora divorata dal turismo di massa come le vicine Indonesia e Thailandia, conserva ancora quell’autenticità che ti catapulta in un altro tempo.

Quello in Cambogia è un viaggio che ti meraviglierà.


 

 

Le luci della movimentata Bangkok e l’oro dei suoi templi. Il contrasto armonioso tra grattacieli e palafitte, tra tradizione e futuro. Gli odori e i sapori della cucina orientale, i paradisi tropicali delle isole e le rovine archeologiche di antiche città.

Questa è la Thailandia, la terra dei sorrisi, un mondo che entra facilmente nel cuore di chi lo visita.

La ricchezza naturale, storica e culturale di questa terra ha fatto sì che diventasse tra le mete preferite dei viaggiatori. Proprio  qui, in Thailandia, si può trovare tutto ciò che si desidera da una vacanza perfetta.


 

 

Amsterdam è la città delle bici e dei canali, dei fiori e delle case storte.

È una città a misura d’uomo, con tanto verde e dall’aria rilassata. Da sempre una delle mie città preferite, per più di un motivo!

Amsterdam è una città ricca di cose da vedere, a partire dai suoi tre musei più famosi: Van Gogh Museum, dov’è raccolta la più grande collezione di opere d’arte del pittore olandese, il Rijksmuseum dove puoi trovare gran parte della storia dell’arte olandese e la casa di Anna Frank, l’abitazione in cui Anna scrisse il suo famoso diario.

 


 

 

Quest’isola con le sue acque turchesiil sole e il cibo fantastico ci ha stregati fin da subito ed è stata la meta ideale per goderci a pieno una vacanza di mare in modo economico.

La cucina greca fatta di yogurt, miele, formaggi e verdure deliziose, ce l’hanno fatta amare ancora di più.

Un isola paradisiaca, abitata da persone ospitali pronte a darci un consiglio su dove mangiare o su quale spiaggia passare la giornata. Rodi è una meraviglia imperdibile del Mediterraneo.

WHEXT TRAVEL BLOG

Born Local, Live Global

 

Per info e collaborazioni:
info@whext-travelblog.com