DELTA DEL MEKONG – COME ORGANIZZARE IL TOUR E COSA VEDERE

Se il nord ha Sapa e le sue terrazze di riso, il sud ha il Mekong e la sua giungla.

Il Delta del Mekong è stata una delle ragioni principali del nostro viaggio in VietnamQualcosa che sognavo da anni di visitare, una regione meravigliosa con una giungla lussureggiante ma anche il teatro di una terribile guerra.

La regione del Delta del Mekong è un territorio tanto straordinario quanto complicato da visitare. Si tratta di un’area enorme e molto varia, ben 39.000 km² di intrecci di fiumi e torrenti, labirinti nella giungla, città sconosciute ai turisti e mercati galleggianti.

Questo territorio rappresenta una delle aree biologicamente più ricche di tutto il pianeta con migliaia di specie animali e vegetali. Senza contare che qui sono di casa Tra Su, la foresta di Melaleuca coperta da un manto sempre verde e Un Minh, una delle foreste di mangrovie più grandi al mondo.

COME ORGANIZZARE IL TOUR NEL DELTA DEL MEKONG

Data la difficoltà della regione, il modo migliore per visitare il Delta del Mekong se hai a disposizione solo pochi giorni, è quello di rivolgerti ad un’agenzia del posto. Noi ti consigliamo Asiatica Travel, un’agenzia locale di ragazzi preparatissimi.

Hanh, la ragazza di Asiatica che mi ha aiutato nella stesura dell’itinerario di tre giorni attraverso il Delta del Mekong, è stata paziente, incredibilmente gentile e professionale. E soprattutto, ha ascoltato le nostre esigenze. A noi bastavano una guida, un’autista e un itinerario non turistico, che ci facesse immergere completamente negli usi e costumi del sud del Vietnam.

Un itinerario che avesse la natura come punto focale. O meglio, la giungla.

Quello che abbiamo ottenuto con Asiatica Travel è stato un tour straordinario che ci ha permesso di esplorare la giungla e i suoi canali. Di vedere città sconosciute e i suoi abitanti (a Long Xuyen ci sono venuti incontro chiedendoci una foto perché non abituati a vedere viaggiatori occidentali!). Di muoverci con mezzi di trasporto insoliti e difficili anche da pronunciare. Di visitare mercati e città galleggianti. Di assistere alla lavorazione degli incensi. Di pranzare in casa dei locali. Di dormire in una capanna nella giungla, sulle rive del Mekong.

E soprattutto di vedere la foresta incantata di Tra Su, un patrimonio naturale di infinito valore (credi che stia esagerando? Continua a leggere e guarda coi tuoi occhi!)

DELTA DEL MEKONG – COSA VEDERE

BEN TRE

Il nostro tour è partito da Ben Tre, conosciuto anche come il regno dei frutti. Cocchibananefrutti della passionerambutan e frutti del drago si trovano letteralmente in ogni angolo.

Abbiamo alloggiato nella casa di un signore del posto, una tipica casa di legno immersa nella giungla. La via per raggiungerla non era tra le più facili, ma ne è valsa la pena!

Lo so che mentre guarderai la foto qui sotto penserai “ma questi due dove sono finiti?!“. E un po’ ce lo siamo chiesti anche noi sul momento. Ma fidati. Dormire nella giungla è indimenticabile!

Tra le attività che si possono fare sul posto ci sono la visita della zona in bicicletta o in barca e la lezione di cucina vietnamita all’intero dell’homestay (per cena potrai mangiare quello che hai imparato a cucinare!).

La parte più bella del dormire qui arriva però con la notte. Come cala il buio, dalla giungla si alza una musica ammaliante. Un rumore che ipnotizza, fatto di sibili e fruscii.

Qui, a Ben Tre, ti puoi immergere nella vera vita del sud del Vietnam. Una vita calma, fatta di agricoltura, pace, natura, semplicità e sorrisi. Un posto in grado di metterti in armonia con tutto ciò che ti circonda.
Se solo non fosse per il quantitativo di zanzare…

TRA SU FOREST – LA FORESTA INCANTATA NEL DELTA DEL MEKONG

In pochi la conoscono, ma se c’è una cosa che merita di essere visitata nel Delta del Mekong quella è Tra Su. Non puoi lasciare il Vietnam senza visitarla. Questa non è una foresta qualunque.
Sembra incantata. E forse lo è per davvero…

Tra Su si trova nella provincia di An Giang, a 25 km da Chau Doc ed è una riserva naturale di rara bellezza.

A renderla così magica è il suo eterno manto verde. La foresta è infatti conosciuta anche come “the green path”, il“sentiero verde” per via delle ninfee e dei giacinti che ricoprono la superficie dell’acqua. Questa foresta è la dimora di oltre 70 specie di uccelli e di 140 specie botaniche. Una ricchezza naturalistica inestimabile.

Non appena salirai sul tac rang (la classica imbarcazione del Delta del Mekong), verrai rapito dalla sua bellezza. E tutto ciò che potrai fare è ammirare in silenzio questo luogo sospeso nel tempo.

I VILLAGGI E I MERCATI GALLEGGIANTI NEL DELTA DEL MEKONG

Una delle attrazioni principali del Delta del Mekong sono i villaggi e i mercati galleggianti.

Noi abbiamo visitato i mercati di Phong DienCai Rang e Long Xuyen (con i relativi villaggi), quest’ultimo il più grande dell’intera regione. Il segreto per vederli senza turisti? Partire all’alba! Hung, la nostra guida, ci ha svegliati alle 4:00 di mattina per poter vedere il sole sorgere sul fiume e ammirare l’incontro dei sampan senza turisti.

CU LAO ONG HO – L’ISOLA DEL SIGNOR TIGRE 

La giornata trascorsa qui è stata probabilmente la più divertente di tutto il nostro viaggio in Vietnam.

Il motivo? I nostri mezzi di trasporto, gli xe loi. Sono piccoli carretti attaccati alle moto (simili ai tuk tuk thailandesi). Girare con quelli è stato un po’ come andare sulle giostre! E il caldo soffocante è passato, almeno momentaneamente, in secondo piano.

Abbiamo girato l’isola in lungo e in largo. Abbiamo assistito alla lavorazione degli incensi, pranzato presso una bellissima famiglia del posto e fatto amicizia con tutti i bambini incontrati nelle varie tappe.

Abbiamo anche visitato un piccolo monastero con il giardino invaso di pipistrelli. Tanto inquietante quanto affascinante. Prova ad immaginare il rumore di tutti questi pipistrelli riuniti in un solo giardino…

LE NOSTRE FOTO PREFERITE SCATTATE SUL DELTA DEL MEKONG

Pagina FacebookProfilo twitterProfilo InstagramCanale Youtube

Whext Travel Blog

Born Local, Live Global

Per info e collaborazioni:

info@whext-travelblog.com

I NOSTRI VIAGGI