ANZA BORREGO STATE PARK: IL DESERTO NELLA CALIFORNIA DEL SUD

Anza Borrego con i suoi 2.420km²  è il più grande parco statale di tutta la California e il secondo degli Stati Uniti d’America.

Stranamente però, è anche uno dei meno visitati.

È stata la sua piccola cittadina, Borrego Springs, ad attirare la nostra attenzione durante la stesura dell’itinerario in California. Il motivo? Ve lo spiego tra pochissimo perché la sua particolarità merita un paragrafo a parte.

Il deserto di Anza Borrego si trova nella California del sud, ad est di San Diego e a sud di Palm Springs.

Per raggiungere il parco ci vogliono poco meno di due ore da San Diego, prendendo l’Highway 78.

Il nostro consiglio è quello di raggiungere Anza Borrego nel tardo pomeriggio, di modo da ammirare il bellissimo tramonto dall’alto prima di dirigervi verso Borrego Springs, il piccolo paesino nel deserto perfetto per trascorrere la notte.

Anza Borrego è il luogo ideale per chi, come noi, ama l’escursioni in posti pacifici e sconfinati e i cieli stellati.

CONSIGLI PER VISITARE ANZA BORREGO

Prima di arrivare ad Anza Borrego assicurati di avere il serbatoio pieno della macchina.

Leggi come abbiamo noleggiato l’auto in California

Porta con te sempre almeno tre litri di acqua, le temperature sono altissime. Cerca la confezione con su scritto 1 gallon, corrisponde a circa 3L.

Fai scorta di snack e acqua in un supermercato prima di arrivare perché Borrego Springs, l’unica cittadina nel deserto, è davvero minuscola e poco fornita.

Indossa delle scarpe da trekking per l’escursioni a piedi e fai attenzione ai serpenti a sonagli.

Le nostre scarpe da trekking su amazon. Le scarpe di Serena e le scarpe di Francesco

Durante l’escursioni a piedi, rimani sui sentieri tracciati.

Non dimenticarti una crema solare ad alta protezione, non ci sono punti d’ombra nel deserto.

Cerca di arrivare nel tardo pomeriggio di modo da goderti il tramonto dall’alto.

Il drone si può far volare solo in alcune zone del parco. Per sicurezza chiedi ai rangers negli info point quali sono le zone in cui è consentito.

ANZA BORREGO: COSA VEDERE

Il parco ha sia sentieri percorribili a piedi che 800 km di strade da fare in macchina, a te la scelta!

Noi abbiamo fatto l’escursione a piedi a Palm Canyon, un sentiero incorniciato da colline frastagliate che porta ad un’oasi di palme a ventaglio.
Il tragitto dura circa 1h e 30 minuti ma siamo tornati indietro prima causa caldo.

NB = per l’escursioni a piedi assicurati di partire la mattina presto perché durante il giorno le temperature superano i 40 gradi rendendo difficili i percorsi.
Se sei in gravidanza (io ero alla fine del quinto mese), ti consiglio caldamente di evitare l’escursione a piedi.

ANZA BORREGO FONTS POINT

È il punto panoramico su Borrego Badlands e ci si arriva guidando una 4×4 per 6 km su strada sterrata.

THE SLOT

Letteralmente “fessura”, lo Slot è uno dei luoghi simbolo di Anza Borrego.
Si tratta di un’apertura del terreno data dal tempo e dall’acqua che percorre il deserto nella parte sudest, non lontano da Borrego Springs.

Per raggiungerlo basta prendere Buttes Pass Road dall’Highway 78 e vista la maestosità lo troverai facilmente sebbene non sia segnalato.

LE CAVE DEL VENTO DI ANZA BORREGO

Le Wind Caves si trovano sulla Fish Creek Mountain e costituiscono una breve seppur suggestiva escursione

ANZA BORREGO: LE SCULTURE DI METALLO DI RICARDO BRECEDA

Una delle cose più suggestive da vedere ad Anza Borrego sono le strutture di metallo frutto della fantasia dell’artista Ricardo Breceda.

Si tratta di 130 sculture di creature fantastiche che spuntano nel deserto ammaliando i visitatori.

Per vederle (e fotografarle) basta uscire da Borrego Springs e percorrere la Borrego Springs Rd fino in fondo!

Guarda il sito ufficiale dell’artista Riccardo Breceda.

BORREGO SPRINGS

Eccoci arrivati a Borrego Springs.

Come ti ho anticipato all’inizio, questa piccola cittadina è stata il motivo per cui ho inserito Anza Borrego nel nostro itinerario.
Il motivo?

Borrego Springs è una piccolissima comunità di appena 2.500 anime che sorge proprio dentro l’ Anza Borrego State Park.

Oltre ad essere l’unico centro abitato di tutta la California ad essere circondato interamente dal deserto, è stata la prima città a dedicarsi ufficialmente alla protezione dei cieli notturni dall’inquinamento luminoso

Borrego Springs è una delle pochissime comunità al mondo ad essere certificata Dark Sky Community dall’International Dark Sky Association
(Fanno parte di questa comunità quelle cittadine che si dedicano in modo particolare a proteggere i cieli notturni attraverso l’implementazione di speciali luci da esterno)

Il motivo che ci ha spinto fino a Borrego Springs quindi sta proprio nei suoi cieli notturni.

Una piccola città sperduta nel deserto, pochissime illuminazioni, la tranquillità di trovarsi in un luogo quasi assente di turismo e un cielo indimenticabile sopra di noi.

Borrego Springs e il deserto di Anza Borrego rimarrano tra i ricordi più belli di questo nostro viaggio in due e mezzo!

BORREGO SPRINGS: DOVE DORMIRE

Noi abbiamo soggiornato presso il Borrego Spring Resort & Spabellissima struttura dotata di piscina, campi da tennis e da golf con ottimo rapporto qualità-prezzo.

QUANDO VISITARE IL DESERTO DI ANZA BORREGO

Il periodo perfetto è tra la fine di febbraio e aprile, quando le distese del parco si colorano grazie alle piante in fiore.
La fioritura dura solo due settimane e generalmente avviene ad inizio marzo ma non preoccuparti se non riuscirai a vederla, potrai godere della bellezza del parco anche senza fiori, garantito!

INFORMAZIONI UTILI PER VISITARE ANZA BORREGO

Orari di apertura del Visitor Center

1 ottobre – 31 maggio
tutti i giorni dalle 9:00 alle 17

1 giugno – 30 settembre
aperto solo nei weekend e durante i festivi dalle 9:00 alle 17:00

Borrego Medical Center

4343 Yaqui Pass Road
Borrego Springs, CA 92400

REGOLE DEL PARCO

I cestini sono solo in alcune zone del parco per cui ti invitiamo ad essere responsabile verso ciò che usi. Vige l’etica del “non lasciare traccia”.
Una bellissima insegna nel parco dice “Leave only footprints, take only memories”.

Le bici, incluse le mountain bikes, devono rimanere sui sentieri.

In tutto il parco regna il silenzio, non provocare rumori e sii rispettoso del luogo in cui ti trovi.

Leggi anche il nostro articolo sulla California: Itinerario di 10 giorni on the road.

ASSICURAZIONE DI VIAGGIO 

Ultima cosa, ma non per importanza, l’assicurazione!  Io e Francesco partiamo sempre con Columbus Assicurazioni e in questo articolo ti spieghiamo come mai.

Prenota attraverso il preventivatore che trovi qui sotto per ottenere subito un 10% di sconto sul totale!

ITINERARI DI VIAGGIO

La Mulholland Drive percorsa con una Chevrolet Camaro decappottabile al tramonto.

Los Angeles vista dall’alto mentre si tinge di arancio.

Santa Monica con il suo lungomare fatto di gente che corre, in skateboard, in monopattino elettrico e in bici.

I murales che colorano Melrose Avenue, il fascino senza tempo di Hollywood, il pontile di Malibù al tramonto, le ville di Beverly Hills, i diners aperti 24h su 24 che ti danno il benvenuto con la musica ’60.


 

 

Come si può raccontare la cosa più bella mai vista in tutta la tua vita?

Come si può esprimere a parole una vacanza che non è stata solo una vacanza ma l’esperienza più straordinaria mai vissuta?

Come si fa a descrivere l’immensa magia della giungla, di un mare rosa e della foresta di mangrovie?

Questo è il Messico, un paese incantato, dove la natura esplode in una scala infinita di colori. Un paese in cui non bastano gli occhi per cogliere tutta la bellezza dei suoi luoghi e dove non bastano le parole per raccontarla.


 

 

Gli orizzonti senza fine di Serengeti, i suoni delle notti trascorse nella savana, il cielo infuocato al tramonto, l’immensa bellezza dei baobab, la giraffa che mi ha svegliato nel cuore della notte, la via lattea, la costellazione di South Cross, le iene fuori dalla tenda alle 2 del mattino.

Pumba, i leoni, gli impala, le zebre, gli elefanti e le giraffe.

 

La Tanzania è uno di quei paesi che piacciono tanto a noi, un posto dove la natura regna sovrana e dove l’uomo rimane solo un silenzioso spettatore.


 

 

Il Ceará ci accoglie così, con l‘agua de coco venduta in ogni angolo della strada, oltre 500 km di spiagge infinite davanti all’oceano, una temperatura di 30 gradi e la musica che risuona dalla sera alla mattina.

Non è un caso che sia conosciuta come Terra da Luz, la Terra della Luce.

Siamo nel Nordeste del Brasile, pochi gradi sotto la linea dell’equatore e il nostro viaggio alla scoperta di questa regione dove l’estate dura 365 giorni l’anno parte parte dalla sua capitale, Fortaleza.


 

 

Più di 5000 km di viaggio fatti in aereo, a piedi, in biciscootertuk tukxe loi, tac ranggiunchesampansleeping busbarche a motoreelefanti e kayak.
Un Vietnam attraversato da nord a sud per poi arrivare fino in Cambogia, davanti agli imponenti templi di Angkor Wat.

Un viaggio più che una vacanza
.

Cos’è stato per noi il Vietnam?
È stato avventura, esplorazione, conoscenza. E libertà. Quella elettrica sensazione che ci accompagna durante ogni viaggio.


 

 

Il profumo caldo e avvolgente dell’ambra. Quello intenso della menta. Quello dolce del gelsomino. Quello fruttato delle arance.E poi quello profondo delle spezieCannellacurcumazenzeropapricazafferano.

Un cielo stellato blu come il velluto. I mosaici verdi, bianchi, azzurri. Le fontane riempite di rose. I labirinti della Medina. I canti dei Muezzin. I tramonti infuocati su Marrakech, la calma imperiale di Fès e lo stupore tra le vie di Chefchaouen.

Benvenuti in Marocco, meravigliosa terra da Le mille e una notte.


 

 

Immaginati di aspettare il sole che sorge davanti all’imponente tempio di Angkor Wat, o di perdere lo sguardo tra le rovine archeologiche all’interno della giungla, di perderti tra i fiumi di acqua sacra dentro le foreste o di tuffarti nelle cascate sulle montagne di Phnom Kulen.

La Cambogia è una delle perle del sud-est asiatico.
Non ancora divorata dal turismo di massa come le vicine Indonesia e Thailandia, conserva ancora quell’autenticità che ti catapulta in un altro tempo.

Quello in Cambogia è un viaggio che ti meraviglierà.


 

 

Le luci della movimentata Bangkok e l’oro dei suoi templi. Il contrasto armonioso tra grattacieli e palafitte, tra tradizione e futuro. Gli odori e i sapori della cucina orientale, i paradisi tropicali delle isole e le rovine archeologiche di antiche città.

Questa è la Thailandia, la terra dei sorrisi, un mondo che entra facilmente nel cuore di chi lo visita.

La ricchezza naturale, storica e culturale di questa terra ha fatto sì che diventasse tra le mete preferite dei viaggiatori. Proprio  qui, in Thailandia, si può trovare tutto ciò che si desidera da una vacanza perfetta.


 

 

Amsterdam è la città delle bici e dei canali, dei fiori e delle case storte.

È una città a misura d’uomo, con tanto verde e dall’aria rilassata. Da sempre una delle mie città preferite, per più di un motivo!

Amsterdam è una città ricca di cose da vedere, a partire dai suoi tre musei più famosi: Van Gogh Museum, dov’è raccolta la più grande collezione di opere d’arte del pittore olandese, il Rijksmuseum dove puoi trovare gran parte della storia dell’arte olandese e la casa di Anna Frank, l’abitazione in cui Anna scrisse il suo famoso diario.

 


 

 

Quest’isola con le sue acque turchesiil sole e il cibo fantastico ci ha stregati fin da subito ed è stata la meta ideale per goderci a pieno una vacanza di mare in modo economico.

La cucina greca fatta di yogurt, miele, formaggi e verdure deliziose, ce l’hanno fatta amare ancora di più.

Un isola paradisiaca, abitata da persone ospitali pronte a darci un consiglio su dove mangiare o su quale spiaggia passare la giornata. Rodi è una meraviglia imperdibile del Mediterraneo.

WHEXT TRAVEL BLOG

Born Local, Live Global

 

Per info e collaborazioni:
info@whext-travelblog.com