10 BUONI MOTIVI PER VISITARE LO YUCATAN

Che abbiamo un debole per il Messico ormai è risaputo, ho già scritto molto sul nostro viaggio in Messico, quindi perché questo articolo? Semplice, per darti (almeno) 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan.

Ad oggi rimane il paese più bello che abbiamo mai visto ed i motivi per visitarlo sono tanti.

Tra giungla, mare caraibico, ricchezza culturale, biodiversità, esplosione di colori e di natura, il Messico ti regalerà qualcosa di indimenticabile.

Negli ultimi anni si è parlato molto del problema delle alghe che affligge la costa occidentale della penisola dello Yucatan, quella che va da Cancun a Tulum, la famosa Riviera Maya. Il fenomeno, purtroppo, non è altro che uno dei segni più visibili dell’inquinamento e del surriscaldamento globale.

Se stai cercando una meta di mare dove rilassarti, probabilmente il Messico non fa per te.

Perché il Messico non è solo la Riviera Maya, è molto molto di più!

Se invece la tua idea di viaggio è simile alla nostra, il Messico è un paese che non dimenticherai facilmente.

In questo articolo troverai i nostri 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan. E ti diremo anche dove andare al mare per non trovare le alghe!

1) I CENOTES

I cenotes sono una delle meraviglie della natura più belle che troverai in Messico e meritano sicuramente i primi posti nei 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan.

Si tratta di grotte naturali di acqua dolce che si formano in seguito allo sprofondamento del suolo calcareo. Queste piscine naturali possono essere sotterranee o trovarsi immerse all’interno della giungla.

In entrambi i casi si tratta di luoghi molto suggestivi dove un tuffo è quasi d’obbligo! Sono uno più bello dell’altro e solo la penisola dello Yucatan ne contra oltre 6.000!

Quindi fidati, non avrai problemi a trovarne uno in cui fare un bagno indimenticabile.

Se vuoi sapere quali sono stati i nostri cenotes preferiti, ti suggerisco di leggere il nostro articolo: I sei cenotes più belli della penisola dello Yucatan

2) ISLA MUJERES

Questa piccolissima isola (è lunga solo 7 km!) immersa nel Mar dei Caraibi si trova proprio davanti Cancun.

Per raggiungerla bastano quindici minuti di traghetto da Cancun e per visitarla tutta solo un paio di ore (tassativamente a bordo di una golf cart!). I traghetti partono quasi ogni ora dalla mattina alla sera, quindi non avrai problemi per raggiungerla.

Isla Mujeres è perfetta se vuoi goderti qualche giorno di mare dopo aver visitato l’entroterra dello Yucatan.

La spiaggia più bella?

Senza dubbio Playa Norte, dichiarata tra le 10 spiagge più belle al mondo.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni su questa isola, ti consiglio di leggere il nostro articolo: Isla Mujeres, un tuffo nei Caraibi

3) ISLA HOLLBOX

Isla Holbox è la rappresentazione terrestre del paradiso.

Ancora selvaggia e autentica (a differenza purtroppo di Isla Mujeres), Holbox si trova tra le acque del Golfo del Messico e quelle dei Caraibi.

Un paradiso tropicale fatto di spiagge bianche con mare cristallino, fenicotteri, pellicani, cormorani e foreste di mangrovie.

Arrivare a Isla Holbox è semplice, basta prendere il traghetto dal piccolo pueblo di Chiquilà.

Il vero problema sarà andartene da questo paradiso…

4) ISLA CONTOY

Questo atollo che dista solo 45 minuti da Isla Mujeres può essere raggiunto in barca oppure, ancora meglio, in catamarano.

Si tratta di una riserva protetta e ogni giorno sono ammesse solo trenta persone! Non è possibile né pernottare sull’isola né addentrarsi nel suo entroterra, se non seguendo un percorso preciso.

Puoi visitarla solo con un’escursione organizzata e i prezzi sono piuttosto alti (si aggirano intorno ai $100 a testa al giorno) ma credimi, ne vale la pena.

 

 

Ti dirò di più su queste tre isole.

Se deciderai di andare in Messico tra giugno e metà settembre, tra i 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan, potrai aggiungere anche quello di fare il bagno con gli squali balena!

Non lasciarti sopraffare dalla paura, si tratta di una delle esperienze più incredibili che potrai mai fare!

Per saperne di più di cosa si tratta, prezzi, info, come fare, dove e quando andare, leggi il nostro articolo “L’immersione con gli squali balena in Messico

5) LE TRE RISERVE DELLA BIOSFERA

La penisola dello Yucatan ha ben tre Riserve Naturali della Biosfera: quella di Rio Lagartos, quella di Celestun e quella di Sian Kaan.

È difficile trovare un aggettivo giusto per descrivere queste tre riserve perché la loro bellezza va oltre ogni immaginazione.

Le Riserve Naturali della Biosfera rappresentano senza dubbio uno dei 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan anche perché qui potrai goderti un bagno lontano dalle alghe!

 

LA RISERVA DELLA BIOSFERA DI RIO LAGARTOS

Questa riserva si trova nella punta più a nord dello Yucatan ed è formata da 60.000 ettari di natura incontaminata.

La sua laguna si affaccia sul Golfo del Messico da dove partono oltre 60 km di spiagge di spiagge bianche con acque calde e cristalline. Questa riserva è casa di fenicotteri, coccodrilli, aironi, pellicani e tantissimi altri animali.

In più, in circa venti minuti di macchina, potrai trovare la meravigliosa laguna di Las Coloradas, ma te ne parlerò nel punto 6!

Per saperne di più su questa riserva, ti consiglio di leggere il nostro articolo “La Riserva della Biosfera di Rio Lagartos”.

 

LA RISERVA DELLA BIOSFERA DI CELESTÚN

Celestún è famosa per la sua incredibile foresta di mangrovie, la più grande di tutta la penisola dello Yucatan.

Quella che abbiamo fatto qui, rimane ancora oggi una delle escursioni più belle mai fatte in viaggio. I suoni, i colori e la magia di questa foresta ti rapiranno dal primo momento.

Il nostro consiglio è quello di attraversare tutta la foresta in canoa (e non sulle barche a motore!) affidandosi all’impresa locale di ecoturismo Parador Ecoturistico de Manglares de Dzitu di Reygaspar e Josè.

Il tour prevede inoltre il trekking nella palude, nel bosco pietrificato e la visita alla laguna di fenicotteri. A giro finito potrai buttarti sulle bellissime spiagge di Celestúnfrequentate quasi unicamente dai locali, e fare un giro in barca fino all’Ojo de Agua, una piscina naturale all’interno della foresta di mangrovie, raggiungibile (purtroppo) solo con la barca a motore.

Vuoi saperne di più su questa meravigliosa riserva? Leggi il nostro articolo Celestún, la foresta di mangrovie nello Yucatan”

 

LA RISERVA DELLA BIOSFERA DI SIAN KA’AN

Mi basta dirti che questa riserva comprende ben 23 siti archeologici Maya e la seconda barriera corallina più grande al mondo!

Tra piccole baie, dune, lagune, foreste tropicali e spiagge deserte, lo spettacolo è assicurato!

6) LAS COLORADAS

La magica laguna rosa si trova a venti minuti di macchina dalla Riserva della Biosfera di Rio Lagartos.

Las Coloradas è l’esempio perfetto di quanto la natura sia sbalorditiva qui in Messico. Inizi a capire come mai questo paese meriti di essere visitato?

Non sono molti i paesi al mondo in cui potrai godere di uno spettacolo di questo genere!

Ti stai chiedendo come mai l’acqua di questa laguna sia rosa? Il colore è dato dalla presenza di artemie saline, dei minuscoli crostacei che colorano l’acqua di questo colore.

Piccola curiosità: le artemie saline rappresentano la principale fonte nutritiva per i fenicotteri. È per questo motivo che anche loro sono rosa!

Leggi il nostro articolo “Las Coloradas: la laguna rosa nello Yucatan” per avere tutte le informazioni su come arrivare.

7) BACALAR, LA LAGUNA DAI SETTE COLORI

La Laguna di Bacalar è chiamata anche “laguna dai sette colori” per le sue sette sfumature di blu.

Questo paradiso di acque cristalline come il Mare dei Caraibi, si estende per 42 km² nello stato del Quintana Roo, a circa tre ore di macchina da Tulum.

La straordinarietà di questo posto vale tutte le ore di macchina e se vorrai trascorrere qui almeno una notte (cosa che ti consiglio caldamente), ti suggerisco l’Ecocamping Yaxche.

Nonostante la sua infinita bellezza, Bacalar è un luogo ancora lontano dal turismo di massa. Potrai gustare questo luogo tutto per te durante un’escursione in barca.

L’acqua della laguna è dolce (addio al fastidio del sale addosso!), calda, limpida e non ha correnti. Per noi il bagno in questa laguna è stato senza ombra di dubbio uno dei più belli non solo del nostro viaggio in Messico, ma di sempre!

Per tutte le informazioni, puoi leggere il nostro articolo “Bacalar, la laguna dai sette colori”

8) I SITI ARCHEOLOGICI DEI MAYA

Il Messico non è famoso solo per l’esplosione della natura ma anche per i siti archeologici dei Maya.

In passato è stata infatti il cuore pulsante di questa civiltà precolombiana e la visita ad alcuni siti è senza dubbio uno dei 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan.

I due siti archeologici che ti consiglio assolutamente di visitare sono Chichen Itza e Coba.

Il primo non solo perché è la tra le sette meraviglie del mondo moderno, ma perché ti affascinerà con la sua storia legata alla mitologia, astronomia e magia.

Il secondo perché è completamente immerso nella giungla e quando raggiungerai la vetta della piramide di Nohoch Mul (una delle poche su cui ci si può ancora salire), lo spettacolo che vedrai sarà indimenticabile.

In entrambi i casi ti consigliamo la visita guidata con una delle guide locali che puoi trovare all’entrata dei siti archeologici.

Se vuoi saperne di più, leggi “Chichen Itza, cosa vedere nel sito archeologico dello Yucatan” e “Le rovine Maya di Coba”

9) LE CITTÀ COLONIALI DELLO YUCATAN

Ricchezza culturale, bellezza architettonica e colori in ogni dove.

Le città coloniali sono decisamente tra i 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan.

Le più belle? Senza dubbio la capitale Merida, Valladolid e la bellissima Izamal, famosa per le sue tinte di giallo. Ammira le vie piene di colore, la bellezza e l’imponenza delle chiese e goditi l’atmosfera rilassata che solo il Messico ti può regalare!

10) IL POPOLO MESSICANO

L’ultimo, ma non per importanza, dei 10 buoni motivi per visitare lo Yucatan, è il popolo messicano.

Il Messico è sicuro? I messicani sono pericolosi? 

Ho perso il conto delle volte in cui ci son state fatte queste domande. Possiamo parlare solo per quello che abbiamo vissuto, ossia la penisola dello Yucatan.

Si, l’abbiamo trovata sicura e no, i messicani non sono pericolosi! Al contrario!

Abbiamo conosciuto un popolo ospitale, gentile, molto amichevole e sempre rilassato. Tutti i ragazzi conosciuti durante l’escursioni, nei ristoranti, sulla spiaggia o semplicemente per strada, hanno reso questo viaggio ancora più bello.

E se abbiamo un ricordo così straordinario di questo paese, è anche grazie a loro!

NON PARTIRE MAI SENZA ASSICURAZIONE DI VIAGGIO!

Mai partire senza assicurazione! Io e Francesco partiamo sempre con Columbus Assicurazioni e in questo articolo ti spieghiamo come mai. Se prenoti attraverso il preventivatore che trovi qui sotto, otterrai subito un 10% di sconto sul totale!

ITINERARI DI VIAGGIO

La Mulholland Drive percorsa con una Chevrolet Camaro decappottabile al tramonto.

Los Angeles vista dall’alto mentre si tinge di arancio.

Santa Monica con il suo lungomare fatto di gente che corre, in skateboard, in monopattino elettrico e in bici.

I murales che colorano Melrose Avenue, il fascino senza tempo di Hollywood, il pontile di Malibù al tramonto, le ville di Beverly Hills, i diners aperti 24h su 24 che ti danno il benvenuto con la musica ’60.


 

 

Come si può raccontare la cosa più bella mai vista in tutta la tua vita?

Come si può esprimere a parole una vacanza che non è stata solo una vacanza ma l’esperienza più straordinaria mai vissuta?

Come si fa a descrivere l’immensa magia della giungla, di un mare rosa e della foresta di mangrovie?

Questo è il Messico, un paese incantato, dove la natura esplode in una scala infinita di colori. Un paese in cui non bastano gli occhi per cogliere tutta la bellezza dei suoi luoghi e dove non bastano le parole per raccontarla.


 

 

Gli orizzonti senza fine di Serengeti, i suoni delle notti trascorse nella savana, il cielo infuocato al tramonto, l’immensa bellezza dei baobab, la giraffa che mi ha svegliato nel cuore della notte, la via lattea, la costellazione di South Cross, le iene fuori dalla tenda alle 2 del mattino.

Pumba, i leoni, gli impala, le zebre, gli elefanti e le giraffe.

 

La Tanzania è uno di quei paesi che piacciono tanto a noi, un posto dove la natura regna sovrana e dove l’uomo rimane solo un silenzioso spettatore.


 

 

Il Ceará ci accoglie così, con l‘agua de coco venduta in ogni angolo della strada, oltre 500 km di spiagge infinite davanti all’oceano, una temperatura di 30 gradi e la musica che risuona dalla sera alla mattina.

Non è un caso che sia conosciuta come Terra da Luz, la Terra della Luce.

Siamo nel Nordeste del Brasile, pochi gradi sotto la linea dell’equatore e il nostro viaggio alla scoperta di questa regione dove l’estate dura 365 giorni l’anno parte parte dalla sua capitale, Fortaleza.


 

 

Più di 5000 km di viaggio fatti in aereo, a piedi, in biciscootertuk tukxe loi, tac ranggiunchesampansleeping busbarche a motoreelefanti e kayak.
Un Vietnam attraversato da nord a sud per poi arrivare fino in Cambogia, davanti agli imponenti templi di Angkor Wat.

Un viaggio più che una vacanza
.

Cos’è stato per noi il Vietnam?
È stato avventura, esplorazione, conoscenza. E libertà. Quella elettrica sensazione che ci accompagna durante ogni viaggio.


 

 

Il profumo caldo e avvolgente dell’ambra. Quello intenso della menta. Quello dolce del gelsomino. Quello fruttato delle arance.E poi quello profondo delle spezieCannellacurcumazenzeropapricazafferano.

Un cielo stellato blu come il velluto. I mosaici verdi, bianchi, azzurri. Le fontane riempite di rose. I labirinti della Medina. I canti dei Muezzin. I tramonti infuocati su Marrakech, la calma imperiale di Fès e lo stupore tra le vie di Chefchaouen.

Benvenuti in Marocco, meravigliosa terra da Le mille e una notte.


 

 

Immaginati di aspettare il sole che sorge davanti all’imponente tempio di Angkor Wat, o di perdere lo sguardo tra le rovine archeologiche all’interno della giungla, di perderti tra i fiumi di acqua sacra dentro le foreste o di tuffarti nelle cascate sulle montagne di Phnom Kulen.

La Cambogia è una delle perle del sud-est asiatico.
Non ancora divorata dal turismo di massa come le vicine Indonesia e Thailandia, conserva ancora quell’autenticità che ti catapulta in un altro tempo.

Quello in Cambogia è un viaggio che ti meraviglierà.


 

 

Le luci della movimentata Bangkok e l’oro dei suoi templi. Il contrasto armonioso tra grattacieli e palafitte, tra tradizione e futuro. Gli odori e i sapori della cucina orientale, i paradisi tropicali delle isole e le rovine archeologiche di antiche città.

Questa è la Thailandia, la terra dei sorrisi, un mondo che entra facilmente nel cuore di chi lo visita.

La ricchezza naturale, storica e culturale di questa terra ha fatto sì che diventasse tra le mete preferite dei viaggiatori. Proprio  qui, in Thailandia, si può trovare tutto ciò che si desidera da una vacanza perfetta.


 

 

Amsterdam è la città delle bici e dei canali, dei fiori e delle case storte.

È una città a misura d’uomo, con tanto verde e dall’aria rilassata. Da sempre una delle mie città preferite, per più di un motivo!

Amsterdam è una città ricca di cose da vedere, a partire dai suoi tre musei più famosi: Van Gogh Museum, dov’è raccolta la più grande collezione di opere d’arte del pittore olandese, il Rijksmuseum dove puoi trovare gran parte della storia dell’arte olandese e la casa di Anna Frank, l’abitazione in cui Anna scrisse il suo famoso diario.

 


 

 

Quest’isola con le sue acque turchesiil sole e il cibo fantastico ci ha stregati fin da subito ed è stata la meta ideale per goderci a pieno una vacanza di mare in modo economico.

La cucina greca fatta di yogurt, miele, formaggi e verdure deliziose, ce l’hanno fatta amare ancora di più.

Un isola paradisiaca, abitata da persone ospitali pronte a darci un consiglio su dove mangiare o su quale spiaggia passare la giornata. Rodi è una meraviglia imperdibile del Mediterraneo.

WHEXT TRAVEL BLOG

Born Local, Live Global

 

Per info e collaborazioni:
info@whext-travelblog.com